APE

A differenza del certificato di agibilità è un obbligo allegare al rogito, e non solo, è un obbligo anche a legarlo ai contratti d’affitto, pena la nullità degli atti stessi.

L’APE vi dà le caratteristiche energetiche dell’edificio, un po come se voi comprate un forno o un frigorifero in classe A+, A, B e via discorrendo. Vi dice quanto è efficiente è il vostro edificio quindi è bene che l’acquirente sia messo al corrente delle caratteristiche energetiche dell’edificio che vuole acquistare o, nel caso del venditore, che vuole vendere. Come nel caso dell’RRE, anche l’APE viene redatta da un tecnico abilitato, ma che sia anche un certificatole energetico abilitato, in questo caso specifico, tramite rilievi, allegati ed un software calcolatore in base ai parametri di legge. 

In Italia la suddivisione va dalla classe A ( con i relativi + del caso) che è riferita agli immobili più prestanti dal punto di vista energetico alla Classe G che è riferita invece agli immobili meno efficienti.

All’interno del documento non è più presente il nome dell’intestatario, come accadeva una volta, perché l’attestato ha durata decennale e segue l’immobile. Per questi dieci anni è sempre valore, purché non si effettuino modifiche o ristrutturazioni. 

 

PS: per approfondimenti sono presenti numerosi altri articoli sul blog che entrano nello specifico della certificazione energetica.